Menu

Chi ha paura del decreto ILVA?

Sembrano tornati i tempi di Alighiero De Micheli e delle crociate contro il timido riformismo democristiano in Confindustria. Per scatenare timori e tremori del padronato italiano è bastato il decreto ILVA varato martedì dal governo. Megafono del malessere, ovviamente, le colonne del Sole 24 Ore. Da queste pagine ieri il presidente di Federacciai, Antonio Gozzi, ha lanciato la parola d’ordine: il commissariamento della più grande azienda siderurgica italiana rischia di essere “un pericolosissimo precedente”. La preoccupazione è legata al fatto che “la norma (…) vale per tutti i siti di interesse nazionale, che fino a oggi sono tutte le fabbriche…

L'Italia, la crisi e la prossima bolla finanziaria

Sette trimestri consecutivi di recessione. Un record. Famiglie e imprese strangolate dalla crisi. La disoccupazione ai massimi dal 1977. Ma la Borsa in un anno segna un +35%. Uno scollamento sempre più marcato tra finanza ed economia. L'Italia si trova nel mezzo di una bolla finanziaria? Tratto da Sbilanciamoci.info Tra giugno 2012 e maggio 2013, il Mib, il principale indice della Borsa italiana, guadagna oltre il 35%. Davvero niente male per un Paese che sta entrando nel settimo trimestre consecutivo di calo del Pil. Consumi e produzione industriale crollano, viviamo una stagione di instabilità politica e di sfiducia sociale, la…

Rapporto ISTAT: contratti atipici in aumento e con retribuzioni più basse

I lavoratori dipendenti atipici italiani, stando a quanto scrive l'Istat nel suo Rapporto Annuale 2013, hanno una retribuzione minore rispetto ai “colleghi” con un contratto a tempo indeterminato. Senza garanzie da un punto di vista socio-assistenziale e, evidentemente, discriminati anche sul piano economico. Nello specifico la retribuzione media mensile di un lavoratore dipendente a tempo pieno con un contratto a tempo determinato è di 1070 euro, 355 euro in meno rispetto a chi ha un contratto a tempo indeterminato, una differenza pari a circa il 25%.

Squinzi, Confindustria e le lacrime di coccodrillo

Mario Pianta per Sbilanciamoci.info - Il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi lancia l’allarme sul “baratro” economico e chiede una grande alleanza pro-impresa. Per continuare le stesse politiche che hanno portato al disastro Era il 17 marzo del 2001, Confindustria aveva radunato 4800 imprenditori a Parma per incoronare Silvio Berlusconi come proprio candidato alle elezioni di maggio, quando fece a pezzi Francesco Rutelli. Il capo degli industriali era uno dei peggiori, Antonio D’Amato, e presentò un progetto di centralità dell’impresa fondato su sgravi fiscali, flessibilità, precarizzazione del lavoro. Silvio B. lo definì "la fotocopia di un programma di governo, quello che…

Neet, flessibilità e disoccupazione giovanile: la verità dei dati o le balle della politica

Sono tantissimi, sono il 24% in Italia, la quota più alta in tutta Europa. Stiamo parlando dei Neet, i giovani tra i 15 e 29 anni che non studiano, non lavorano e non seguono alcun percorso di formazione professionale (Not in Employment, Education or Training). E' quanto emerge dal rapporto annuale dell'Istat che lancia l'ennesimo “allarme disoccupazione giovanile” al quale segue l'ennesimo “dibattito sui giovani d'oggi” da parte di stampa e politica. Se le etichette di bamboccioni o di choosy hanno suscitato rabbia tra i tanti giovani che lottano ogni giorno per emergere dalla loro condizione di immobilità e precarietà,…

Suicidi in Grecia: nel 2011 +26,5%

Solitamente non rincorriamo la notizia del singolo suicidio, dato che dietro la singola storia di disperazione spesso si nascondono vicende complesse e individuali che non intendiamo strumentalizzare per dare maggior forza alle nostre tesi in materia economica e di politiche del lavoro. In questo caso però non si tratta di una singola, drammatica storia. I dati diffusi dall'istituto statistico ellenico sono, infatti, inequivocabili: nel 2011, nel Paese più colpito dalle politiche di austerity i suicidi sono aumentati del 26,5%, e visto l'andamento della crisi nell'anno appena trascorso sembra che la situazione possa solo peggiorare.

Non rinnovano il permesso di soggiorno, si dà fuoco a Rimini

A Rimini un quarantacinquenne originario del Marocco si è dato fuoco tra la gente dopo che la Questura ha negato il rinnovo del permesso di soggiorno. Dalle prime notizie che si apprendono, l'uomo aveva di recente perso il lavoro e di conseguenza incombeva il rimpatrio in Marocco. Per questo si è dato fuoco a Rimini tra la folla. Un gesto che lui stesso ha definito "dimostrativo" in una telefonata al 117 – il numero delle segnalazioni della Guardia di Finanza. Dopo aver messo in allerta il 117 si è cosparso di gasolio, dando fuoco a mani e collo. Si tratta…

EuroMemorandum. Ci salverà l’Europa? [scarica l'ebook]

La scelta di Sbilanciamoci! di presentare tra i propri e-book la traduzione italiana dell’EuroMemorandum 2013 (la cui sintesi è già apparsa tra i nostri materiali[1]) vuole sottolineare l’importanza che si sente a livello europeo della necessità di una alternativa di politica economica, esigenza che si ricollega idealmente al dibattito promosso e sviluppato sul nostro sito, a partire dalla “Rotta di Europa” (ripreso nel nostro e.book dallo stesso titolo[2]).

Mondadori e l'esercito dei redattori invisibili

Ha fatto tanto rumore, anche grazie all'articolo pubblicato sul Corsaro, il caso che ha visto protagoniste Giulia Ichino e Chiara Di Domenico.Crediamo che ora sia arrivato il momento di cogliere questa occasione per fare luce sul mondo del precariato sottopagato che mantiene in piedi il settore dell'editoria italiana, e di cui, nonostante tutte le polemiche, si è parlato ben poco. Quando leggete un libro, difficilmente siete consapevoli del lavoro che c’è dietro ogni singolo rigo. Nessuno, del resto, fa qualcosa per ricordarvelo, anzi: la moltitudine di passaggi dal redattore al correttore di bozze viene sempre adeguatamente tenuta nascosta al lettore,…
Sottoscrivi questo feed RSS

Categorie corsare

Rubriche corsare

Dai territori

Corsaro social

Archivio

Chi siamo

Il Corsaro.info è un sito indipendente di informazione alternativa e di movimento.

Ilcorsaro.info