Menu

“I Signori della cenere”: una distopia concreta che racconta il nostro presente.

“I Signori della cenere”: una distopia concreta che racconta il nostro presente.

“I signori della cenere” è  romanzo dello scrittore collettivo Tersite Rossi, edito dalla casa editrice Pendragon, ormai al suo terzo romanzo d’inchiesta. E’ un libro che si lascia leggere tutto d’un fiato, in cui ognuno di noi è portato a vedere il proprio vissuto prendere forma letteraria, agire in maniera concreta all’interno del plot narrativo fino a farci sentire del tutto partecipi della storia che ci scorre tra le pagine, attraverso il suo mischiarsi con la storia che ne è al di fuori. Un racconto che ha il merito di parlare delle nostre vite, della loro espropriazione, del grande progetto di dominio dei corpi e delle menti che il mondo della finanza sta lucidamente portando avanti da decenni e che si è intensificato con la crisi che  dal 2008 sconvolge la nostra quotidianità. E’ il romanzo italiano dell’ 1% che, attraverso le sue crisi economiche e le sue riforme sistemiche, sfida  il 99% della popolazione: è un pullulare di protagonisti del bel Paese all’interno di una storia che, invece, ci è riuscito più facile raccontare che sovvertire. La nostra Puerta del Sol, la nostra Occupy, la nostra piazza Taksim, quelle stesse esperienze comunitarie che non abbiamo potuto vivere e che, in forma mistica, ci ritroviamo a seguire all’interno di un romanzo che ci rimbalza da un punto all’altro della nostra contemporaneità e della sua genesi.

È forse questo il merito principale del romanzo: l’essere in grado di mettere in fila delle solide fonti storiche ed economiche con una potentissima evocazione dei sentimenti di estraneazione, malinconia, insufficienza, depressione che caratterizzano la nostra vita all’interno di quest’epoca di passioni tristi.

La letteratura sul nostro tempo molto spesso non supera la forma del racconto breve, forma adeguata alla frammentarietà e fragilità delle nostre vite precarie. “I Signori della Cenere” , invece, riesce a trasformare le nostre miserie in una parte di un grande racconto universale che dagli albori della civiltà umana vede contrapposto il dio del cielo e la dea della terra, le società guerriere e individualistiche - il cui apice si è materializzato nei grattacieli di wall street -  e società “gilianiche”: comunitarie, femministe, passionali, portatrici di pace.

Un romanzo che lascia aperto lo spazio all’immaginazione del possibile, alla costruzione di un cambiamento a partire dal rifiuto della cultura quotidiana della sopraffazione e dell’individualismo, alla trasformazione radicale dello scheletro relazionale e sentimentale come fondamento per scuotere le più grandi torri d’avorio della tecnocrazia mondiale che qui assume il volto del “clan”, del “grande ordine”, dei globocrati, del loro progetto di guerra civile globale.

Tersite Rossi non si concede nessun buonismo, nessun percorso semplice: la sua narrazione è veloce, corre di luogo in luogo, si scandisce di date ed eventi che appartengono alla nostra storia collettiva, quella della lotta di classe dall’alto che stiamo subendo. Non cede mai alla tentazione di rifugiarsi in un altro-mondo fiabesco in cui “vissero tutti  felici e contenti”, rimanendo sempre ancorato alla realtà, al suo carattere distopico ma non per questo monolitico, immutabile. Bisogna dimostrare che tutto può cambiare perchè non tutto è sempre stato così: questo il messaggio che resta impresso a lungo dopo aver completato la lettura delle quasi 400 pagine del racconto.

Un esempio di narrativa indipendente da valorizzare, che ha molto da dire a quanti in questi anni si sono prodigati contro un modello sociale e culturale ormai insostenibile per la collettività e soprattutto per le nostre vite individuali, le nostre aspirazioni e ambizioni. “Voglio solo vivere” afferma la protagonista del romanzo, “vogliamo solo vivere” riecheggia nelle voci e nei volti delle migliaia di persone nelle piazze di tutto il mondo. Perchè ormai abbiamo capito che per vivere davvero, per esercitare questo bisogno primario, è  necessario cambiare tutto.  

Torna in alto

Categorie corsare

Rubriche corsare

Dai territori

Corsaro social

Archivio

Chi siamo

Il Corsaro.info è un sito indipendente di informazione alternativa e di movimento.

Ilcorsaro.info