Menu

Deprecated: Non-static method JSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/ulpeyygx/domains/ilcorsaro.info/public_html/templates/gk_news/lib/framework/helper.layout.php on line 181

Deprecated: Non-static method JApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/ulpeyygx/domains/ilcorsaro.info/public_html/includes/application.php on line 536
Gabriele Mastroleo

Gabriele Mastroleo

Salentino di nascita, vive a Macerata, città delle olive ascolane. Ha attraversato per un decennio collettivi e movimenti studenteschi. Gioisamente precario, attualmente è redattore di un portale online e per sbarcare il lunario fa anche il cameriere. Si occupa di pratiche mutualistiche, di storia del cinema e di altre stronzate.

Manganelli e Taser nell'era Renzi: la repressione è il loro vaccino

Mercoledì scorso, le cariche delle forze di polizia nei confronti degli operai dell'Ast di Terni, anzi – per essere più precisi – nei confronti del gruppo di contatto composto da quei leader sindacali che in questa battaglia hanno voluto metterci la faccia, rischiando la testa. Da qualsiasi punto di vista lo si voglia vedere, il violento attacco ai lavoratori non ha nessuna giustificazione: legittimare una risposta di questo genere perché qualcuno tra i manifestanti avrebbe detto “Stazione Termini” è un insulto all'intelligenza, tant'è che nell'opinione pubblica si è levato un coro di indignazione quasi unanime con il premier Renzi rimasto invece in un'imbarazzante astinenza da tweet. Passa una settimana e la maggioranza di governo, supportata dal soccorso 'azzurro' di Forza Italia, salva Alfano dalla mozione di sfiducia firmata M5S-Sel, con il Pd (compreso Gennaro Migliore ed escluso Pippo Civati) che – parole di Dario Ginefra su Twitter – arriva a trasformarlo in “una fiducia al governo di Matteo Renzi”.

Poggioreale: detenuto affetto da cancro, “curato con la tachipirina”

Hanno inscenato un sit-in insieme a Luigi Mazzotta e Rosa Criscuolo, dell'associazione radicale “Per la grande Napoli” e ad altri esponenti radicali ed ex detenuti, i familiari di Luigi Moscato, un detenuto di 55 anni affetto da cancro ai polmoni con metastasi sparse, che si trova nel penitenziario napoletano di Poggioreale. La moglie, Lucia Buccino, lancia una pesante accusa: “Lo ‘curano’ solo con la tachipirina”. Dure anche le accuse di Francesco Moscato, fratello del detenuto, che non risparmia critiche all'ospedale Cardarelli e al primario del reparto di Pneumologia: “Come si è permessa questa persona, davanti al caso di un malato così grave, di rispedirlo qua?".

Caso Saladino, la madre: "Voglio la verità, si riapra il caso"

Giuseppe Saladino era un giovane di 32 anni, morto nel carcere di Via Burla, a Parma, nell'ottobre 2009, a causa - secondo quanto emerso da un contestato esame tossicologico - di un'overdose di eroina; all'epoca dei fatti, il suo caso venne paragonato a quello ben più noto alla cronaca nazionale di Stefano Cucchi e da più parti si chiese che venisse fatta piena luce su quella morte. Oggi, a distanza di quasi cinque anni, la madre Rosa torna a far sentire la propria voce e chiede di riaprire il caso.

La settimana nera dei penitenziari: quattro morti in pochi giorni

Quella che avrebbe dovuto essere la settimana decisiva per segnare un nuovo cambio di passo nell'annosa questione del sovraffollamento delle carceri italiane, con la Camera che ha approvato una serie di provvedimenti tra cui quello che prevede lo stanziamento di 20,3 milioni di euro a chi, al termine della detenzione, faccia richiesta di risarcimento per aver vissuto nei penitenziari italiani in condizioni disumane, è stata contrassegnata da quattro decessi, dei quali tre per suicidio, che fanno salire complessivamente a 82 i morti in cella dall'inizio del 2014.

Salento: TAP non sarà sponsor degli eventi dell'estate. Un dietrofront tardivo?

Sono bastate 48 ore al movimento No TAP per “costringere” gli organizzatori di alcuni eventi estivi in programma nel Salento, che avrebbero dovuto avere come sponsor la joint-venture Trans Adriatic Pipeline, a fare dietrofront e a rinunciare a quei finanziamenti. Determinante, per quel che riguarda la festa di Sant'Oronzo a Lecce, la presa di posizione della Curia di Lecce prima e del sindaco del capoluogo salentino Perrone poi, mentre l'ultima manifestazione a desistere dall'intento di rinunciare allo sponsor TAP è stata Birra&Sound di Leverano (per un resoconto della vicenda, leggete qui).

Sottoscrivi questo feed RSS

Categorie corsare

Rubriche corsare

Dai territori

Corsaro social

Archivio

Chi siamo

Il Corsaro.info è un sito indipendente di informazione alternativa e di movimento.

Ilcorsaro.info