Menu

Decidiamo NO! Gli studenti in piazza verso il referendum costituzionale

Decidiamo NO! Gli studenti in piazza verso il referendum costituzionale
Partiti cortei in oltre 100 piazze. Gli studenti dell’Unione degli Studenti, Link Coordinamento Universitario e Rete della Conoscenza manifestano per la democrazia ed i diritti, per il NO al referendum costituzionale, contro le deleghe su “La Buona Scuola” e per un nuovo statuto dei diritti delle studentesse e degli studenti.
“Chi ha di più, decide di più. E’ sempre stato così nel nostro Paese” - dichiara Francesca Picci, coordinatrice nazionale Unione degli Studenti - “Per questo oggi siamo in piazza per affermare che vogliamo tornare a decidere tanto nelle politiche che riguardano l’istruzione, portate avanti dal Governo per deleghe in bianco, tanto nella visione di Paese che si porta avanti. Diciamo NO alla riforma costituzionale che permetterebbe al Governo di cambiare con ancor più facilità le nostre scuole, devastare ancor più velocemente i nostri territori, rendere ancora più precarie le nostre vite. Non siamo troll, come dice Renzi, ma studenti con coscienza critica ed una precisa idea di cambiamento - dentro e fuori dalle scuole - opposta agli interessi dei soliti noti che il Governo promuove. Vogliamo un nuovo statuto delle studentesse e degli studenti, una scuola che non insegni lo sfruttamento fin dai banchi ed un Paese che non strumentalizzi i nostri sogni di futuro per gli spot elettorali, ma li promuova davvero.”
“Anche gli universitari sono oggi in piazza per il diritto allo studio e la democrazia” - dichiara Andrea Torti, Coordinatore Nazionale di Link - Coordinamento universitario - Perchè pensiamo che garantire l’accesso universale alla formazione universitaria significhi riaprire spazi di democrazia nel nostro Paese, contro la continua esclusione sociale e politica alla quale negli anni siamo stati relegati.”
“Stiamo manifestando in oltre 100 piazze” - dichiara Martina Carpani, coordinatrice nazionale Rete della Conoscenza - perchè rifiutiamo le scelte accentratrici del Governo e dichiariamo il nostro NO alla riforma costituzionale. Con un calo del 40% dei contratti di lavoro a tempo indeterminato, oltre 4 milioni di persone in povertà assoluta, oltre 100mila persone che nell’ultimo anno hanno abbandonato l’italia, è evidente il fallimento delle politiche del Governo che ha risposto agli interessi dei pochi e non dei nostri. Siamo la generazione più povera rispetto ai propri genitori dalla seconda guerra mondiale ad oggi. Basta con la retorica del cambiamento vs conservazione. Renzi non ha cambiato nulla e non risponde affatto agli interessi dei giovani che dice di voler rappresentare. Lo dicono le statistiche, non i gufi. E’ arrivato il momento di tornare a decidere dal basso per i nostri interessi. Torneremo in piazza il 29 ottobre per l’inizio della campagna elettorale ed attraverseremo le strade ed i quartieri nelle prossime settimane per un NO popolare e diffuso.”

Torna in alto

Categorie corsare

Rubriche corsare

Dai territori

Corsaro social

Archivio

Chi siamo

Il Corsaro.info è un sito indipendente di informazione alternativa e di movimento.

Ilcorsaro.info