Menu

Caso Aldrovandi, nuova provocazione dei sindacati di polizia

Caso Aldrovandi, nuova provocazione dei sindacati di polizia Foto Radio Città del Capo

Il 15 febbraio scorso, circa 3mila persone hanno sfilato a Ferrara dietro lo striscione "#vialadivisa" per condividere la battaglia della famiglia di Federico Aldrovandi, il giovane morto la notte del 25 settembre 2005 nella cittadina emiliana, a causa delle lesioni causate da quattro poliziotti. La richiesta dei manifestanti, tra i quali c'erano due simboli della ricerca della verità in morti sospette in cui sono coinvolte le forze dell'ordine, Ilaria Cucchi e Lucia Uva, può essere riassunta nell'appello di Lino Aldrovandi, padre del giovane ucciso e ispettore di polizia municipale: "Non credo sia una richiesta così incredibile volere che chi commette atti così aberranti non possa più indossare una divisa". La risposta provocatoria del sindacato di polizia Sap non si è fatta attendere e qualche giorno dopo, il segretario nazionale Gianni Tonelli si è recato a Ferrara per incontrare i quattro agenti e lanciare l'iniziativa #vialamenzogna.

Tre dei quattro poliziotti condannati per l'omicidio Aldrovandi, Paolo Forlani, Enzo Pontani e Luca Pollastri, hanno scelto di incontrare Tonelli, che al termine dell'incontro ha spiegato: "I fatti accaduti destano in loro dolore, ma sanno di essere innocenti e confidano che ci possa essere un domani il modo di riscrivere questa storia. Purtroppo in Italia spesso servono decenni per ricostruire quello che è stato, come dimostrano la storia partigiana e le foibe". Le parole del leader del sindacato di polizia non hanno lasciato indifferenti la famiglia Aldrovandi, in particolare Patrizia Moretti, madre di Federico, che interpellata da un quotidiano locale ha sottolineato: "Dicono che siamo noi a tenerla lunga, ma poi continuano a provocare e offendere e a smentire i fatti acclarati in tre gradi di giudizio".

Peraltro appare assolutamente provocatorio e fuori luogo anche l'accostamento tra le indagini sulla morte di Federico Aldrovandi e la ricostruzione storica dei fatti riguardanti la Resistenza e il Secondo dopoguerra. Nella giornata di mercoledì, però, Tonelli ha rilanciato: "Premettendo che è un diritto di tutti i cittadini dichiararsi innocenti e ambire ad un processo di revisione che possa ribaltare una sentenza di condanna, desidero far rilevare che l'iniziativa del Sindacato Autonomo di Polizia è finalizzata unicamente ad avvicinare i cittadini alla realtà processuale, a partire dal caso Aldrovandi ma non solo, attraverso l'accesso e la pubblicizzazione di tutti i documenti".

Giovedì Patrizia Moretti e suo figlio Stefano hanno scritto al premier Matteo Renzi: "Davvero coloro che hanno causato la morte di mio figlio Federico, continuando a colpirlo e schiacciarlo anche quando del tutto inerme gridava aiuto e basta, non hanno disonorato la divisa che indossavano? Davvero la discrezionalità del corpo di polizia può consentire che quei quattro agenti, a fronte di tanti comportamenti giudicati disonorevoli dai magistrati e dagli stessi vertici di polizia, continuino onorevolmente ad indossare la divisa dello stato? Davvero questo è lo stato di cui dovremmo essere orgogliosi?".

Torna in alto

Categorie corsare

Rubriche corsare

Dai territori

Corsaro social

Archivio

Chi siamo

Il Corsaro.info è un sito indipendente di informazione alternativa e di movimento.

Ilcorsaro.info