Menu

Deliberiamo Roma, per un altro modello di città

Nasce a Roma la campagna "Deliberiamo Roma: Quattro delibere di iniziativa popolare promosse da associazioni, comitati e spazi sociali per costruire un altro modello di città. Acqua bene comune, uso sociale del patrimonio immobiliare abbandonato, scuola pubblica e finanza sociale per liberare Roma dalla crisi.

#Sipuòfare: una legge di iniziativa popolare per l'Ex Manicomio di Roma

Vi ricordate quando il Parlamento discuteva qualche anno fa della “necessità” di vendere pezzi di patrimonio pubblico per risanare le casse dello Stato? Sicuramente sì, perché la cessione di beni pubblici in mano ai privati è un mantra ricorrente nella politica italiana. Ed a Roma come nel resto del Paese nascono ogni giorno tante piccole vertenze in difesa di luoghi e di storie che rischiano di essere strappate via dalle mani dei cittadini. Circa due anni fa vi abbiamo raccontato la storia dell’Ex Manicomio di Roma. Da gennaio 2005, l’associazione Ex Lavanderia si batte per il Santa Maria della Pietà, per richiederne il suo utilizzo pubblico e culturale. A distanza di dieci anni dall’occupazione del padiglione 31 dell’Ex Manicomio capitolino la situazione vive ancora nell’incertezza più assoluta. Anzi proprio in questi mesi l’Associazione Ex Lavanderia ha lanciato la campagna #Sipuòfare che ha visto la raccolta di circa 6000 firme per una delibera comunale e prevede la consegna a fine maggio una proposta di Legge regionale d’iniziativa popolare per l’uso pubblico, sociale e culturale dell’Ex Manicomio di Roma, promossa dall’Associazione Ex Lavanderia. A tal scopo abbiamo intervistato Massimiliano Taggi, della campagna #Sipuòfare

Angelo Mai e non solo. Sgomberi, la lunga giornata dei movimenti romani

Sono iniziate all'alba di ieri le operazioni di sgombero, da parte di Digos e forze dell'ordine, dell'Angelo Mai Altrove Occupato e di altre due occupazioni abitative di via della Acacie, a Centocelle e ad Anagnina (poi dissequestrate in serata). Si tratta, secondo gli attivisti dello spazio sociale, di “un forte attacco ai movimenti del diritto all’abitare, all’attività artistica e culturale prodotta dal centro di Viale delle Terme di Caracalla, alle lotte portate avanti da tutti quegli spazi che rivendicano autonomia e indipendenza”. Sotto accusa “la fragilità, se non la totale inabilità, di una politica non in grado di comprendere la complessità del contemporaneo, che si esprime in luoghi di cultura e formazione indipendenti”.

#iodecido: Verso l'8 Marzo per il diritto all'aborto

Accesso libero e gratuito all'aborto, reperibilità 24 ore su 24 in ogni territorio della pillola del giorno dopo, autonomia decisionale per tutto il percorso di nascita e depatologizzazione delle condizioni dei soggetti trans, in opposizione alle decisioni arbitrarie dei medici su neonat@ intersex e alla violenza ostetrica: sono queste alcune delle rivendicazioni della rete #iodecido, che martedì 4 marzo ha occupato la sede dell'Ordine dei Medici di via Cola di Rienzo a Roma. 

Agire, Costruire, Trasformare: prende il via la campagna ACT!

Agire, Costruire, Trasformare. Prende avvio con l'assemblea nazionale del 2 marzo il difficile ed entusiasmante cammino politico della generazione che non si arrende. Oltre 150 studenti, inoccupati, stagisti e tirocinanti, lavoratori precari, attivisti di associazioni, partiti e movimenti, si sono riuniti domenica a Roma, alla Città dell’Altra Economia, per il primo incontro nazionale di “ACT! Agire, costruire, trasformare”, a sostegno della lista “l'Altra Europa per Tsipras”.

Inizia il processo agli studenti: "alle porte del Senato c'eravamo tutt*"

Il 19 Febbraio inizierà il processo che vede accusati 12 studenti della Sapienza di “attentato contro gli organi costituzionali”, reato che prevede una condanna fino a cinque anni di carcere. L’impianto accusatorio afferma che gli studenti indagati, insieme ad altre centinaia, avrebbero attaccato e messo a rischio un’istituzione dello Stato, macchiandosi così non solo di una colpa gravissima e meritando una pena esemplare.

Al Teatro Valle Occupato arriva la digos

Pubblichiamo di seguito il comunicato del Teatro Valle Occupato cui va la nostra solidarietà e sostegno.

Questa mattina abbiamo ricevuto una visita inaspettata. Una decina di agenti della Digos si sono presentati in teatro - mentre erano in corso due attività di formazione per professionisti -  accompagnati da ispettori del lavoro e della Asl. Abbiamo deciso di non farli entrare e, alla nostra richiesta di chiarimenti, gli agenti hanno risposto che i controlli in corso erano ordinati dalla magistratura a seguito di un'indagine per occupazione. Non abbiamo ulteriori elementi.

Sapienza: contro il numero chiuso a Chimica, gli studenti bloccano la facoltà

Questa mattina gli studenti del dipartimento di Chimica della Sapienza di Roma hanno occupato il proprio plesso nella cittadella universitaria, bloccandone tutte le attività. L'obiettivo è scongiurare l'introduzione del numero chiuso. 

Il dipartimento è occupato da questa mattina e alle 10 nel piazzale antistante si è tenuta un'assemblea molto partecipata. Gli studenti chiedono che la discussione sul numero programmato venga quantomeno "rinviata fino a che non ci venga dimostrato che è stato realmente fatto tutto ciò che è in loro potere, fino a tentare l'impossibile perché una decisione così importante per il futuro del nostro dipartimento non può essere presa con una semplice “alzata di mano”. 

 

Sottoscrivi questo feed RSS

Categorie corsare

Rubriche corsare

Dai territori

Corsaro social

Archivio

Chi siamo

Il Corsaro.info è un sito indipendente di informazione alternativa e di movimento.

Ilcorsaro.info